• home
  • / Resistenza al fuoco servizi
  • / Certificazione di Resistenza al Fuoco di prodotti e sistemi costruttivi

Resistenza al fuoco servizi

Certificazione di Resistenza al Fuoco di prodotti e sistemi costruttivi

Il Laboratorio di resistenza al fuoco di CSI certifica la resistenza al fuoco di numerosi sistemi costruttivi, portanti e non, di compartimentazione ma anche senza la funzione divisoria,  dei locali soggetti alle normative di prevenzione incendi.

CSI è Laboratorio autorizzato dal Ministero dell’Interno, secondo il D.M. 16.2.2007 ed è anche Laboratorio accreditato (unico in Italia, in molti casi) dall’Ente di accreditamento nazionale, Accredia, per la certificazione di resistenza al fuoco di elementi portanti, di separazione e non, sia orizzontali (solai) che verticali (murature), nell’ambito dell’edilizia civile ed industriale.

CSI esegue prove e certifica la resistenza al fuoco secondo le normative nazionali sin dal 1988, è stato il primo laboratorio in Italia ad eseguire prove e a rilasciare certificazioni, secondo le nuove norme europee, nell’ambito della verifica sperimentale di resistenza al fuoco in base al Decreto del Ministero dell’Interno del 16 febbraio 2007.

CSI vanta un’esperienza quasi trentennale nella verifica sperimentale di resistenza al fuoco, in particolare per i sistemi divisori più comuni (pareti in muratura di blocchi, pareti leggere) o solai delle più diverse tipologie (misti acciaio e calcestruzzo, predalle, solai con alleggerimenti, in legno) e per elementi portanti verticali speciali (pareti in legno e miste legno-lastre, pareti in elementi modulari in calcestruzzo armato); a questi servizi standard, CSI ha affiancato servizi di qualifica, unico ente in Italia, per i sistemi speciali (protettivi per elementi strutturali secondo le norme della serie EN 13381), per gli impianti di fornitura servizi come, ad esempio, le serrande tagliafuoco, i balconi e le passerelle o facciate continue.

In dettaglio, CSI offre il servizio di prova e certificazione per i seguenti sistemi:

  • Porte tagliafuoco (UNI EN 1634-1: 2014)
  • Accessori per serramenti (UNI EN 1634-2: 2009)
  • Porte a controllo fumo (UNI EN 1634-3: 2005)
  • Pareti in muratura, in blocchi o prefabbricate (UNI EN 1365-1: 2012)
  • Solai (UNI EN 1365-2:2002)
  • Travi (UNI EN 1365-3:2002)
  • Balconi e passerelle (UNI EN 1365-5:2005)
  • Scale (UNI EN 1365-6:2005)
  • Pareti in muratura, in blocchi o prefabbricate e pareti leggere (UNI EN 1364-1: 2002)
  • Controsoffitti (UNI EN 1364-2:2002)
  • Facciate continue in configurazione parziale e completa (UNI EN 1364-3: 2014 e UNI EN 1364-4: 2014)
  • Porte di piano per ascensore (UNI EN 81-58: 2001)
  • Membrane protettive (UNI EN 13381-1:2014)
  • Sistemi protettivi, passivi e reattivi,  per strutture in calcestruzzo armato (UNI EN  13381-3:2002)
  • Sistemi passivi a protezione di elementi strutturali in acciaio (UNI EN 13381-4: 2013)
  • Sistemi reattivi (vernici intumescenti) a protezione di  elementi strutturali in acciaio (UNI EN 13381-8: 2013)
  • Serrande tagliafuoco (UNI EN 1366-2:2001)
  • Sigillature di attraversamenti (UNI EN 1366-3:2009)
  • Giunti lineari (UNI EN 1366-4:2010)
  • Canalizzazioni e passerelle (UNI EN 1366-5:2010)
  • Pavimenti sopraelevati (UNI EN 1366-6:2005)
  • Armadi di sicurezza (UNI EN 14470-1: 2005)

Attenzione: il browser che stai utilizzando è obsoleto, per una corretta navigazione aggiornalo alla versione più recente!